23 Dicembre 2010

Ritenuta 10%, accolte le ragioni dei Consorzi

In relazione alla problematica concernente l’applicazione sui consorzi della ritenuta del 10% da parte di banche e poste sui bonifici disposti per le spese di interventi di recupero edilizio e di riqualificazione energetica, prevista dall’art. 25 D.L. 78/2010, l’Agenzia delle Entrate, con la consulenza giuridica n. 85 del 21 dicembre 2010, ha ufficialmente condiviso l’interpretazione che ANAEPA, di concerto con la Confederazione, ha formulato a riguardo.

L’Agenzia ha chiarito che l’onere della ritenuta del 10% non venga sopportato dal Consorzio, bensì dai soggetti che effettivamente eseguono gli interventi agevolati e ne conseguono i relativi redditi, così da ovviare al considerevole problema di liquidità che ne sarebbe derivato. Si ritiene, pertanto, corretto, che le ritenute subite dai Consorzi di imprese con attività esterna e senza finalità lucrative, per le prestazioni di recupero edilizio o di riqualificazione energetica, possano da questi essere trasferite ai singoli che hanno realmente svolto i lavori.
I Consorzi devono, innanzitutto, utilizzare la ritenuta subita per azzerare il proprio eventuale debito IRES; la residua quota di ritenuta del 10% può essere trasferita alle singole imprese consorziate che hanno eseguito i lavori, a condizione che la volontà di effettuare il trasferimento risulti da un atto di data certa.

Documenti allegati

torna all’Archivio Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi