26 Giugno 2020

Efficienza energetica: come cambieranno gli edifici

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 146 del 10 giugno 2020 il Decreto Legislativo 10 giugno 2020, n. 48 che ha recepito nell’ordinamento italiano la Direttiva 2018/844/UE e promuove il miglioramento della prestazione energetica degli edifici. La direttiva oggetto di recepimento mira ad accelerare la ristrutturazione economicamente efficiente degli edifici esistenti; integrare le strategie di ristrutturazione a lungo termine nel settore dell’edilizia per favorire la mobilitazione di risorse economiche e la realizzazione di edifici a emissioni zero entro il 2050; promuovere l’uso delle tecnologie informatiche e intelligenti (ICT) per garantire agli edifici di operare e consumare in maniera quanto più efficiente; dare un impulso alla mobilità elettrica con l’integrazione delle infrastrutture di ricarica negli edifici; razionalizzare le disposizioni delle precedenti versioni della direttiva alla luce dell’esperienza applicativa.

In particolare, entro l’11 luglio, ovvero 30 giorni dalla pubblicazione del Decreto, dovrà essere definita una strategia a lungo termine per raggiungere l’obiettivo di un parco immobiliare decarbonizzato e ad alta efficienza energetica entro il 2050.

Il Piano dovrà includere: una ricognizione del parco immobiliare nazionale; l’individuazione di approcci alla ristrutturazione efficace in termini di costi in base al tipo di edificio ed alla zona climatica, anche valutando l’introduzione di obblighi di ristrutturazione, e promuovendo l’utilizzo di tecniche che implichino un maggior uso di elementi prefabbricati e la riduzione del tempo dei lavori di cantiere; una rassegna delle politiche e delle azioni in vigore e delle modifiche per migliorarne l’efficacia; la proposta di politiche e azioni, anche di lungo termine finalizzate a stimolare le ristrutturazioni importanti ed efficaci in termini di costi, anche attraverso l’introduzione di un sistema facoltativo di “passaporto” di ristrutturazione degli edifici; la proposta di politiche e azioni, anche di lungo termine, rivolte ad accelerare la riqualificazione energetica di tutti gli edifici pubblici; una stima affidabile del risparmio energetico atteso, nonché dei benefici connessi alla salute, alla sicurezza e alla qualità dell’aria.

Una novità di rilievo riguarda gli interventi di efficientamento energetico degli edifici che dovranno essere integrati con gli interventi per la riduzione del rischio sismico e di incendio, attraverso l’individuazione di precisi requisiti, validi per l’accesso alle detrazioni fiscali.

Documenti allegati

torna all’Archivio Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi