13 Novembre 2020

Congruità in edilizia: Ministro del Lavoro al tavolo con Parti Sociali

Lo scorso 10 novembre si è tenuto in video conferenza l’incontro tra la ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo e le parti sociali della filiera delle costruzioni, tra cui anche ANAEPA-Confartigianato Edilizia, che hanno illustrato l’Accordo sottoscritto dalle medesime il 10 settembre us. in materia di congruità della manodopera per il settore edile.

L’accordo definisce le procedure per l’avvio, in via sperimentale, del sistema di verifica della congruità per tutte le attività edili sia pubbliche che private, con decorrenza dal 1° ottobre 2020 e termine al 30 giugno 2021 e si inserisce nel contesto della recente previsione normativa contenuta nella legge di conversione del DL Semplificazioni (L. 120/2020), che ha introdotto all’art. 8 il comma 10 bis, in cui al DURC si aggiunge la congruità dell’incidenza della manodopera relativa allo specifico intervento, secondo modalità adottate con decreto dal Ministro del Lavoro entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge (15 settembre scorso).

Nel corso dell’incontro si è stabilito di istituire un tavolo tecnico per l’individuazione delle modalità operative di applicazione della congruità della manodopera in edilizia che saranno adottate mediante un prossimo Decreto Ministeriale: la verifica di congruità rappresenta, secondo le Parti, un’opportunità per far emergere il lavoro irregolare e per contrastare fenomeni di dumping contrattuale da parte di imprese che, pur svolgendo attività edile o prevalentemente edile, applicano contratti diversi da quello dell’edilizia, a danno della regolare concorrenza tra le imprese e delle tutele in materia di equa retribuzione, di formazione e sicurezza a favore dei lavoratori.

Il Ministro Catalfo ha accolto le istanze delle Parti, non solo condividendone le preoccupazioni circa la pratica del dumpling contrattuale, ma proponendo anche di individuare soluzioni concrete in relazione al tema della formazione e delle competenze richieste alle imprese nel mercato della riqualificazione energetica e sismica del patrimonio immobiliare che, con l’entrata a regime del meccanismo del Superbonus 110%, diventano sempre più necessarie.

 

torna all’Archivio Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi